Hasta Bergoglio siempre: la Chiesa (non) si rinnova

Da un anno a questa parte i canali d’informazione sono invasi da un personaggio il cui nome è diventato, per forza di cose, di grande familiarità. Il giudizio è controverso: certi vedono nel suo pensiero una grande forza di cambiamento, alcuni si affidano alle sue parole per difendere le istanze reazionarie, mentre altri criticano aspramente lui e il suo seguito. No, non mi riferisco a Beppe Grillo, ma a Papa Francesco. La sua figura è stata oggetto di un singolare caso di idealizzazione in vita, durante un intervallo di tempo particolarmente breve.

L’aspetto semplice, le forti invettive rivolte ai potenti, le doti da comunicatore hanno dato luogo a due raffigurazioni. Da una parte l’uomo umile e determinato al cambiamento, vicino ai poveri e ostile al clero ultra-conservatore, uno che abbatte i limiti della dottrina sociale cattolica e (udite, udite!) apre spiragli alle battaglie progressiste sui diritti civili. Dall’altra la guida carismatica che allo stesso tempo incarna il messaggio evangelico e difende a spada tratta il tradizionale approccio della Chiesa riguardo a politica e società, ossia uno scandalizzato “no” ad ogni cosa che possa intaccarne il rigido moralismo. Due interpretazioni praticamente opposte, nonché totalmente sbagliate.

Ciò che è accaduto tra il 28 febbraio e il 13 marzo 2013 non è un semplice passaggio di consegne, ma un ribaltone manageriale. Le esigenze del pubblico sono cambiate molto negli ultimi anni, così la Chiesa, come ogni azienda multinazionale che si rispetti, ha provveduto a riformulare il target. Via il vecchio teologo incartato, solare come la Merkel in una giornata di maltempo e pressoché incapace di gestire maggiordomi fedifraghi e preti dalle mani lunghe, con il rischio di un’emorragia di fedeli. Meglio lasciare spazio ad un brav’uomo che ha vissuto tra la gente per la gente, dalla personalità così telegenica da sembrare il nonno di Matteo Renzi. Tralasciando le interpretazioni mistiche su quanto l’ispirazione divina abbia lavorato bene dentro la Cappella Sistina, si potrebbe pensare che questo sia l’atto più rappresentativo di una Chiesa che vuole finalmente cambiare se stessa dall’interno. Ebbene, si tratta solo di un tremante velo di Maya che aspetta di essere squarciato.

Se l’Europa, cuore pulsante del potere pontificio da due millenni, è oggi insidiata dalle forze oscure che la trascinano verso l’abisso liberal-demoniaco, allora bisogna mutare l’obiettivo della gerarchia vaticana. Si mette al timone della barca un uomo coraggioso che ispira fiducia, con il compito di mandare alla chiglia i marinai scapestrati e ricevere i complimenti dei pescatori appena rientrato in porto. Ma la verità è che quei lupi di mare non saranno mai disciplinati: i potenti in tonaca vogliono solo un cambiamento di facciata, una rivoluzione che lasci tutto com’è. E il complice di tutto ciò, consapevolmente o meno, è proprio Papa Francesco. Dalla sua elezione hanno tutti cercato di portarlo dalla propria parte (il M5S, per non sbagliare, lo ha subito arruolato in truppa), così adesso va forte l’immagine di un papa “più a sinistra della sinistra”. Intanto è miracolosamente scomparsa la pedofilia negli ambienti ecclesiastici, i cardinali pascià si sono trasformati in poveri fraticelli e le lotte di potere sono solo un ricordo, almeno stando a quanto trapela dai media. Sarà un caso?

Si mettano il cuore in pace i fan di Ernesto “Che” Bergoglio: ogni volta che si parla di “aperture”, ecco la provvidenziale conferenza stampa di padre Lombardi, interessante ed animata come un congresso dell’Udc, in cui si chiarifica tutto, con il sottofondo gongolante dei parteggiatori di Francesco Franco. Insomma, è evidente che il papa non indossa né l’eskimo né la divisa del Caudillo, ma gli innocenti indumenti bianchi di chi con un gran sorriso si ostina a difendere una Verità (il maiuscolo è d’obbligo, mi raccomando) che va stretta al mondo. Eppure sarebbe un gesto degno di grande ammirazione, anche da parte dei non credenti, se un giorno il capo della Chiesa si affacciasse al balcone e cominciasse a parlare di contraccezione come mezzo di lotta all’Aids (andatelo a spiegare ai missionari in Africa), di universalità dell’amore tra gli esseri umani indipendentemente dal loro genere, di rivoluzione delle idee da accompagnare al progresso scientifico. Bene, con queste parole mi prenoto un posto nella prima capsula criogenica in grado di ibernarmi fino al 3014. Forse Francesco XV esaudirà i miei desideri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...