La nazione migliore al mondo

Chissà se vi sarà mai capitato di brandire impunemente un mappamondo, collocarlo su una superficie piana di fronte a voi e osservarlo in tutta la sua sfericità per scoprire quale sarà la vostra prossima avventura a breve o lungo termine. Più probabilmente, ai giorni nostri, vi sarete rivolti al vostro fedele scudiero Maps, Google Maps, ma il dilemma sarà rimasto sempre e comunque uno solo: dove andare?

In soccorso di tutti i globetrotter incalliti – ma anche di coloro i quali abbiano semplicemente voglia di un’esperienza oltre confine – arriva l’Overall Best Countries Ranking stilato da U.S. News con il contributo della WPP e della Wharton School affluente all’Università della Pennsylvania. Scopo del progetto è analizzare la percezione globale dei sessanta Paesi in esame in base a tutt’una serie di parametri qualitativi presi in considerazione. Più di 16.000 persone provenienti da 36 nazioni sono state chiamate in causa per stilare report individuali per ogni nazione e caratteristica, per poi redigere nove sottoclassifiche in base a queste categorie: Avventura – cioè appeal turistico, Cittadinanza, Influenza Culturale, Imprenditorialità, Patrimonio, Propulsione Economica, Apertura agli Affari, Potere e Qualità della Vita.

Dove si colloca la nostra bella Italia in tutto questo ambaradan di cifre? Prima per quanto riguarda l’eredità paesaggistica e storica – non a caso 51 siti italiani sono stati definiti dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. Seconda, rispettivamente dopo il Brasile e la Francia, per turismo e cultura. Tuttavia solo tredicesima nella classifica generale. Le ragioni? Senso degli affari praticamente inesistente, economia stantia e imprenditorialità limitata. L’infinita longeur della burocrazia, sorprendentemente più che la corruzione e la trasparenza al governo, è ciò che rallenta un Paese che avrebbe bisogno di una spinta col turbo. A questo si aggiunge un basso livello di tecnologizzazione e innovazione, nonché la difficoltà di proporre sul mercato prodotti originali e di stare al passo coi tempi. L’Italia è in fin dei conti un po’ come quell’alunno pigro i cui genitori, all’incontro scuola-famiglie, si sentono sempre dire che “ha grandissime potenzialità ma non si applica abbastanza”.

Adesso, però, giunge la risposta alla domanda che tutti vi stavate facendo: qual è il Paese al primo posto nella classifica generale?

Silenzio. Calano le luci. Rullo di tamburi. And the winner is

La Germania! Nazione più popolosa del continente europeo, può vantare una delle maggiori economie in crescita, così come una sempre più forte autorevolezza in materia di affari esteri. Infrastrutture all’avanguardia, ottimo sistema educativo e sanitario, forza lavoratrice altamente qualificata e, strano ma vero, un solido quadro giuridico che previene qualsivoglia scappatoia. Secondo gli intervistati, la Germania sarebbe uno dei Paesi migliori per dare avvio alla propria carriera, nonché un eccellente connubio tra civilizzazione e cura dell’ambiente.

Come avrà reagito la seriosa e gelida Germania alla notizia? Con un pomposo e strappalacrime discorso di ringraziamento? Nossignore, con uno spassoso annuncio del governo su Facebook.

Germania = 1° Posto! … recupereremo nelle categorie “Divertimento” e “Moda”.

Germania = 1° Posto!
… recupereremo nelle categorie “Divertimento” e “Moda”.

E chissà che un giorno non recupereremo anche noi in qualche altro e ben più considerevole ambito.

Grazia Polizzi

Annunci

Un pensiero su “La nazione migliore al mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...