Edipo a Colono: la tragedia dell’ultimo

Qualche giorno fa, esattamente il 13 maggio, abbiamo festeggiato i quarant’anni dall’introduzione della legge Basaglia, che per la prima volta restituì il diritto di cittadinanza alle persone con disturbi mentali chiudendo gli ospedali psichiatrici. A questo penso quando siedo sull’antica pietra a vedere la rappresentazione classica di Edipo a Colono. Essa è infatti la tragedia dell’ultimo, dell’alienazione mentale, con protagonista un uomo di pubblico scandalo – assassino del padre e sposo della madre, con la quale ebbe quattro figli-fratelli – che andrebbe convenientemente allontanato dalla società. Come la comunità dovrebbe gestire quelli che (non sono gigli, ma son pur sempre figli vittime di questo mondo? I greci tracciano una strada da seguire e la imboccano, come sempre, secoli e secoli prima di noi. Ma non basta.

Continua a leggere

Annunci

Il nuovo volto di Vivian Maier

Vivian Maier, una bambinaia vissuta fra gli anni Cinquanta e Novanta, è oggi considerata una delle fotografe di spessore più importanti della storia. Grazie al suo grande talento nel cogliere l’attimo ci ha permesso di godere delle mille sfaccettature culturali di alcune città come New York e Chicago nel primo dopoguerra. Foto di speranza e coraggio che danno voce ad un’America fiera di aver combattuto per la propria libertà: sguardi profondi pieni di esperienza raccontano un inconscio ancora presente nelle memorie di chi oggi continua a fare storia. Tra sorrisi, pianti e domande ognuno dei suoi scatti rivela calde emozioni di dubbi e curiosità Continua a leggere

Le Invasioni in scena: contro ogni barriera

È esperienza comune percepire quasi un sentimento di disagio trovandoci accanto a qualcuno che abbia una disabilità, di qualunque tipo questa sia. Un disagio che nasce dall’incapacità a comportarsi “nel modo giusto”, senza in alcun modo ferire chi abbiamo di fronte.

Continua a leggere

Cerere e Morgantina: il riflesso della Sicilia

Rifletto, in una comune aula studio del Monastero dei Benedettini, sede del Dipartimento di Scienze Umanistiche a Catania, subito dopo aver superato un esame. È stupefacente come un evento simile possa rivelarsi tanto formativo: ti dà diverse occasioni per ponderare su argomenti a cui altrimenti non avresti pensato; ti lascia qualcosa, dunque, che travalica i ristretti confini temporali dell’esame stesso(un colloquio che dura al massimo un’oretta).

Continua a leggere

Il prodigio della mezzanotte

Avete mai avuto la sensazione di non sapere cosa fare di voi stessi? Di sentirvi in dovere di inserirvi in un mondo in fermento, dove le battaglie politiche si colorano di vite spezzate, i desideri si accendono e le speranze vengono subito dopo spente? Ecco, questa è la sensazione che annoda la gola di Saleem Sinai, un ragazzo musulmano nato a Bombay allo scoccare della mezzanotte del 15 Agosto 1947, giorno in cui l’India otteneva l’indipendenza dai colonizzatori britannici. Una nascita di buon auspicio quindi, a detta degli indovini locali; un bambino simbolo, per il quale la famiglia riceve lettere e per il quale si hanno grandi aspettative. Continua a leggere