Cinema d’Animazione

ParlaMente Vi informa che le seguenti informazioni sono date da uno studente dell’Accademia Nemo di Firenze, attualmente al secondo anno del corso di Cinema d’Animazione

Se alla fine della lettura avrai altri dubbi o curiosità, puoi scriverci all’indrizzo parlamenteprogetto@gmail.com

La nostra associazione curerà di inoltrare la tua richiesta a chi di interesse, che si preoccuperà di offrire ulteriori chiarimenti.

 

Qual è la durata del corso in Cinema d’Animazione?

Il corso di Cinema d’Animazione dell’Accademia che io frequento, ossia l’Accademia Nemo di Firenze, ha una durata di tre anni. Ogni Accademia propone però il proprio corso di Cinema d’Animazione con la durata che ritiene opportuna.

Quali sono le sedi in cui questo indirizzo è attualmente (anno 2018-2019) presente in Italia? 

Le sedi sono presenti in tutta Italia, prevalentemente al Nord. Le sedi sono per la maggior parte private, dal momento che sono in poche le Accademie di Belle Arti che prevedono un corso di Cinema d’Animazione.

Qual è la modalità di accesso a questa facoltà universitaria?

Molte Accademie solitamente ammettono gli studenti dopo aver visionato un loro portfolio, ossia un insieme dei loro lavori.

Altre Accademie possono pure non prevedere una selezione all’ingresso. La modalità di accesso viene specificata nel sito web dell’Accademia che si ha come riferimento.

Qual è il programma di studi?

Sessioni di disegno dal vero, tecniche di animazione, anatomia, storyboard, character design e la conoscenza di programmi di animazione digitale, sono alla base delle conoscenze che deve avere un futuro animatore. Ogni Accademia prepara un proprio programma di studi, ma le materie citate sopra sono imprescindibili.

Durante questo corso di studi, ci sono dei tirocini da frequentare? Se sì, in cosa consistono?

Sì, molti corsi di Cinema d’Animazione prevedono delle sorte di tirocini. Per quanto concerne ad esempio l’Accademia Nemo, essa premia i suoi studenti migliori del terzo anno inserendoli all’interno di un progetto che ha come finalità quella di produrre un cortometraggio animato. Sempre parlando dell’Accademia Nemo, è anche possibile che studenti meritevoli vengano ospitati per un breve periodo da studi di animazione importanti, dove possono apprendere e mettere in pratica le loro conoscenze.

La frequenza alle lezioni è obbligatoria?

Sì, è impensabile non frequentare. Lunghe assenze possono anche far rischiare allo studente di perdere l’anno.

Un corso di Cinema d’Animazione prepara solo alla professione di animatore?

No, un corso di Cinema d’Animazione prepara lo studente a saper ricoprire la maggior parte delle figure professionali che lavorano all’interno di uno studio di animazione, come la figura del “character designer”, dello “storyboard artist” o del “background artist”. Infatti, oltre che alla figura dell’animatore servono anche coloro che si occupano della creazione dei personaggi (quindi i “character designer”), ma anche di coloro che si occupano dello storyboard, ossia che raccontano la storia in vignette per avere un’idea sempre più definitiva di come dovrà essere il prodotto finale.

E dopo il diploma?

Quello del cinema d’animazione è un settore molto ampio, che non si ferma solo al “cinema” inteso come sala di proiezione. Il diplomato in cinema d’animazione può trovare lavoro anche nella produzione di spot televisivi, serie tv animate e di videogiochi (in merito alle parti animate e di movimento che contengono), ma anche in produzioni di cinema tradizionale (ad esempio come storyboard artist).

Le modalità di selezione dipenderanno dallo studio di animazione nel quale si vorrà entrare, ma è ovvio che verranno richiesti un portfolio e un animation reel (ossia un video che contiene le proprie migliori scene animate).

 

Ci sono sedi migliori di altre?

Ovviamente esistono sedi migliori di altre. In Italia la più prestigiosa è forse la Scuola Sperimentale di Cinema d’Animazione di Torino. Per quanto riguarda l’Accademia che frequento, essa si distingue per i numerosi e interessanti incontri con artisti e animatori di ambito internazionale, provenienti dai più grandi studi di animazione.

 

Per essere ammessi è obbligatorio saper disegnare bene e conoscere programmi di animazione ?

No, nella maggioranza delle Accademie non è obbligatorio. L’Accademia avrà infatti il compito di formare lo studente a partire dalle basi. Ovviamente è richiesta una predisposizione al disegno, ma ci sono molti animatori (soprattutto nel mondo del 3D) che per loro stessa ammissione non sanno disegnare bene. E’ utile avere delle conoscenze di prospettiva e di anatomia, anche semplicemente in linea generale. Anche per quanto riguarda i programmi di animazione al computer, essi verranno studiati a scuola, a partire dalle basi.

Alcune Accademie preferiscono lavorare con studenti che hanno già delle basi di animazione, ma sono una rarità, e comunque spesso si tratta di Scuole o Accademie frequentate da artisti già diplomati in Cinema d’Animazione e che cercano uno studio più affine a ciò che vogliono perseguire.

Come si può preparare un buon portfolio?

Per preparare un buon portfolio va scelto un insieme di disegni che più di tutti faccia capire quale sia il proprio stile. E’ consigliato scegliere disegni con soggetti e temi differenti. Ad esempio: unire nello stesso portfolio un disegno di una donna triste, di un bambino felice, di un animale che corre, ma anche di un paesaggio, permetterà a chi lo esamina di avere una buona idea dell’aspirante studente che ha di fronte.

Il numero di disegni da inserire dentro il portfolio è a discrezione di ogni Accademia, ma generalmente vengono richieste dalle 10 alle 20 tavole.

Si può scegliere se studiare solamente animazione 2D o solamente animazione 3D?

In generale le Accademie preparano a entrambe le tecniche di animazione, a meno che non si scelga un’Accademia specializzata solo in una di queste due tecniche. L’Accademia che frequento, ad esempio, i primi due anni insegna ad animare in 2D, mentre al terzo anno insegna l’animazione 3D.

Bisogna avere abilità al computer per entrare in questo corso?

No, ma delle conoscenze di Photoshop, Adobe Animate, Harmony o di altri programmi di animazione e pittura digitale possono aiutare lo studente quando tali programmi verranno affrontati a lezione.

Annunci