Matematica

ParlaMente Vi informa che le seguenti informazioni sono date da uno studente del corso di laurea Magistrale in Matematica dell’università degli studi di Catania.

Se alla fine della lettura avrai altri dubbi o curiosità, puoi scriverci all’indrizzo parlamenteprogetto@gmail.com

La nostra associazione curerà di inoltrare la tua richiesta a chi di interesse, che si preoccuperà di offrire ulteriori chiarimenti.

Qual è la durata del corso di studi in Matematica?

Il Corso di Studi in Matematica è suddiviso in due corsi di laurea: L35 di durata triennale e LM40 di durata biennale.

Quali sono le sedi in cui questo indirizzo è attualmente (anno 2018-2019) presente in Italia? 

Il corso di studi in Matematica triennale (L35) è presente nei principali atenei italiani. Il corso di laurea magistrale (LM40) biennale è ugualmente diffuso ma si differenzia tra gli atenei in base all’offerta formativa.

Quali sono le modalità di accesso ai corsi di laurea triennale in Matematica?

Al corso di laurea triennale in Matematica si accede in seguito ad una verifica obbligatoria che non pregiudica la possibilità di iscrizione al corso (le modalità sono stabilite dall’ateneo).

Quali sono gli argomenti su cui vertono le domande del test?

Il test è costituito da cinque sezioni:  Matematica, Logica, Scienze, Comprensione verbale, Lingua inglese.

Come prepararmi al test?

Studio individuale, facendo riferimento ai programmi pubblicati on-line, talvolta alcuni dipartimenti prevedono  attività di recupero con l’assistenza di docenti del corso di laurea e di tutor.

Qual è il programma di studi?

Il corso è suddiviso in diversi curricula, ciò nonostante ci sono alcune materie caratterizzanti del corso che sono obbligatorie in tutti i curricula.

Ci sono dei tirocini da frequentare? Se sì, in cosa consistono?

Esiste la possibilità di stage e tirocini non obbligatori. Alcuni studenti scelgono di svolgere tali attività con finalità di tesi.

La frequenza alle lezioni è obbligatoria?

La frequenza ai corsi non è obbligatoria ma è fortemente consigliata.

E dopo la laurea?

I principali sbocchi occupazionali per un laureato/a in Matematica (5 anni) sono l’insegnamento e la ricerca. Tuttavia diversi settori industriali richiedo la figura del matematico all’interno del loro organico.

Ci sono sedi universitarie migliori di altre?

Ci sono sedi con diverse offerte formative.

Chi ha condotto studi scientifici sarà più adatto a questa disciplina?

NO! Naturalmente il liceo scientifico è un’ottima base, ma tutto quello che realmente serve viene insegnato. Studiare matematica richiede un certo impegno e motivazione che prescinde dal tipo di contenuti appresi negli studi pregressi.

Cosa non deve mancare a uno studente di matematica?

Determinazione, spirito di sacrificio e voglia di studiare (scoprire) giorno per giorno.

Se ho difficoltà nello studio di alcune materie come posso rimediare?

Solitamente nei primi anni si ha la possibilità di essere affiancati da tutor (dipende dalle risorse disponibili del dipartimento di afferenza). Anche i docenti dei corsi sono disponibili per chiarimenti.

Dopo la laurea servono altre specializzazioni?

Dipende dal tipo di impiego scelto: Per l’insegnamento si deve fare riferimento alle normative ministeriali vigenti, Per la ricerca in ambito accademico non serve nessuna specializzazione (solo tanta e buona preparazione), Per impieghi in azienda si ha la possibilità di ampliare la preparazione con corsi di formazione mirati al tipo di contratto offerto (solitamente le spese di formazione sono a carico dall’azienda stessa).

Annunci