Scienze Erboristiche

ParlaMente Vi informa che le seguenti informazioni sono date da uno studente/un laureato in Scienze Erboristiche e Prodotti Nutraceutici alla facoltà di Catania e attualmente lavora presso l’Erbolario di Porta di Roma come erborista.

Se alla fine della lettura avrai altri dubbi o curiosità, puoi scriverci all’indrizzo parlamenteprogetto@gmail.com

La nostra associazione curerà di inoltrare la tua richiesta a chi di interesse, che si preoccuperà di offrire ulteriori chiarimenti.

 

Qual è la durata del corso in Scienze Erboristiche e Prodotti Nutraceutici ?

Tre anni

 

Quali sono le sedi in cui questo indirizzo è attualmente (anno 2018-2019) presente in Italia? 

Bari, Bologna, Catania, Messina, Milano, Napoli, Padova, Pisa, Roma, Salerno, Torino

 

 

Qual è la modalità di accesso a questa facoltà universitaria?

La prova di ammissione consiste nella soluzione di n. 60 quesiti a risposta multipla, di cui una sola risposta esatta tra le 5 indicate per ciascun quesito, su argomenti di:

 

Quali sono gli argomenti su cui vertono le domande del test?

  • Chimica 20 quesiti
  • Biologia 20 quesiti
  • Logica e cultura generale 10 quesiti
  • Fisica 5 quesiti
  • Matematica 5 quesiti

 

Come prepararmi al test?

Qualunque testo che prepari ad una facoltà scientifica va bene (vedi alpha test)

 

Qual è il programma di studi?

I ANNO

Primo semestre

  • Chimica Generale e Organica
  • Biologia Farmaceutica
  • Fondamenti di Biologia e Fondamenti di Anatomia

Secondo semestre

  • Fondamenti di Biochimica e Fondamenti di Fisiologia umana
  • Chimica delle Sostanze Organiche Naturali
  • Informatica
  • Inglese

II ANNO

Primo semestre

  • Farmacognosia
  • Laboratorio di Controllo di Qualità nel Settore Erboristico
  • Scienza degli Integratori Dietetici di Origine Vegetale
  • Fitoterapia

Secondo semestre

  • Farmacologia e Tossicologia
  • Fondamenti di Chimica Fitoterapeutica
  • Laboratorio di Chimica dei Prodotti Cosmetici

III anno

Primo semestre

  • Fondamenti di Agronomia e Laboratorio di coltivazione delle Piante-genetica Vegetale applicata
  • Difesa delle produzioni erboristiche

Secondo semestre

  • Tecnologia e legislazione Erboristiche
  • Attività a scelta dello studente
  • Attività a scelta dello studente
  • Tirocinio professionalizzante
  • Prova finale

 

Durante questo corso di studi, ci sono dei tirocini da frequentare? Se sì, in cosa consistono?

Il periodo di tirocinio per il Corso di Laurea in Tecniche Erboristiche si attua con attività formative pratiche svolte in strutture anche esterne all’Ateneo (aziende private, Enti pubblici, Laboratori di ricerca, Farmacie, ecc.). Il tirocinio per il Corso di Laurea in Tecniche Erboristiche può essere richiesto dopo l’iscrizione al terzo anno e deve avere la durata di almeno 150 ore (6 CFU).

 

La frequenza alle lezioni è obbligatoria?

Si

 

E dopo la laurea? (sbocchi lavorativi, abilitazione alla professione )

In virtù delle competenze acquisite, il laureato in Tecniche Erboristiche può trovare occupazione presso erboristerie; farmacie/parafarmacie nel reparto erboristico, dietetico, cosmetico; aziende estrattive o formulative specifiche del settore erboristico; aziende specifiche del settore cosmetico naturale e/o biologico; Centri Antiveleni presso Aziende Ospedaliere per gli aspetti relativi agli avvelenamenti da piante, funghi e prodotti erboristici; Laboratori della Camera di Commercio e Laboratori A.R.P.A. dove si svolgano analisi di routine su prodotti alimentari e cosmetici in particolare a base vegetale; il controllo e la verifica dei prodotti erboristici presenti in commercio.

 

Ci sono sedi universitarie migliori di altre?

La qualità la fanno i professori e la tua capacità di creare collegamenti tra le varie materie.

 

Come prepararmi al test?

Per prepararti al meglio al test è necessario acquisire una certa bravura nello svolgimento dei quiz e essere a conoscenza degli argomenti su cui vertono le domande.

 

E’ necessario dunque prepararmi con un corso?

Per superare il test occorre studiare e allenarsi molto con i quiz. Il corso ti guida nella preparazione, ma ciò non toglie che anche autonomamente è possibile superarlo.

 

Qual è la differenza tra erboristeria e omeopatia?

Vengono definiti prodotti erboristici quei prodotti che, ricavati da piante anche officinali mediante particolari tecniche, esprimono specifiche proprietà fitoterapiche come per esempio attività lassativa, calmante, digestiva ecc. L’omeopatia si basa invece sul principio che il simile cura il simile: si utilizza la stessa causa della malattia per curarla. I farmaci omeopatici si ottengono quindi mediante la diluizione del principio attivo, più una sostanza è diluita, più è alto il suo potere curativo.

 

Perché consiglieresti un corso di scienze erboristiche?

Perché dà la possibilità di poter conoscere il mondo vegetale a 360 gradi arrivando al raggiungimento di conoscenze biologiche, botaniche, patologiche così da poter approfondire i funzionamenti metabolici e fitoterapici nascosti dietro ogni pianta.

Annunci