Torniamo al Comune

L’Italia è una Repubblica democratica. E su questo non ci piove. Dal 1948 è questa la formula che viene ci viene insegnata sin da piccoli per descrivere la forma di Stato della nostra Nazione. Se però dovessimo dare una definizione dell’Italia andando indietro di parecchi secoli ci troveremmo in profonda difficoltà. Cos’era l’Italia nel Medioevo? La storiografia classica ci presenta l’epoca del Medioevo come un’era buia, d’ignoranza e decadenza. Non è mia intenzione, in questa sede, aprire un dibattito sulla veridicità di tale ipotesi. Quello su cui mi voglio concentrare è un altro aspetto della storia medievale italiana. La nostra terra è stata la culla della più unitaria e semplice struttura politica: il Comune. Le analogie con le poleis elleniche dell’Antica Grecia si sprecano, pertanto consiglio vivamente di andare a ripassare e approfondire quella parte di storia spesso (ahimè) oscura e tralasciata, che dipinge uno stivale come un mosaico di sorprendente realtà, diversità e unicità. Perché è questo ciò che è stata l’Italia prima del 1861. E forse questa è la ragione per cui oggi ci viene tanto difficile sentirci italiani. Continua a leggere

Caltagirone: lo strano caso dei consiglieri assenteisti

Checché se ne dica, riuscire a parlare con Enti e Amministrazioni è ancora oggi possibile (perfino in Sicilia). Un po’ meno semplice è, però, creare un dialogo serio, trovare persone chiare ed attendibili negli uffici e, soprattutto, disponibili a essere d’aiuto. Ad esempio, sapevate che il Regolamento del civico consesso prevede un potente strumento contro l’assenteismo dei suoi membri? “I consiglieri che non partecipano a tre sedute consecutive del Consiglio Comunale, senza giustificati motivi, vengono dichiarati decaduti. La decadenza è disciplinata dall’articolo 173 dell’O.R.E.L.”, dichiara l’art. 60 del regolamento. O.R.E.L. sta per Ordinamento Regionale degli Enti Locali. Esso aggiunge semplicemente che “la decadenza è, in ogni caso, dichiarata dai rispettivi consigli, sentiti gli interessati, con preavviso di dieci giorni.” In sostanza, se un consigliere comunale si assenta per tre volte di seguito e non porta alcuna giustificazione, decade dalla carica. Continua a leggere