Guida rapida alle ideologie politiche: Capitolo IV, Il Nazismo

Il nazismo è forse il trauma più forte con cui la memoria europea deve avere a che fare ogni giorno. Esso è stato la causa principale della Seconda Guerra Mondiale, la più disastrosa della Storia, nonché dei massacri di popolazioni inermi per motivi razziali o religiosi. Continua a leggere

Il tramonto delle ideologie

“Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra, è evidente che la gente è poco seria quando parla di sinistra o destra”.

Con queste parole comincia la canzone di Giorgio Gaber Destra-Sinistra, un’ironica critica alla mancanza di reali differenze ideologiche fra questi grandi schieramenti. Continua a leggere

La destra che non c’è

Quando, all’alba del XX secolo, il pittore iniziò a dipingere il quadro politico mondiale, scelse di adoperare principalmente due colori: il rosso, forte come il sangue, e il nero, scuro come il buio più profondo, ben tenendo in mente che nessuno dei due poteva mescolarsi con l’altro. Il risultato, ebbe modo di notare, fu un pasticcio. La differenza tra i due colori era troppo evidente e il contrasto ebbe un effetto disastroso, perforando la tela e rovinando per sempre la sua carriera. Non ci si dimentica tanto facilmente dei propri errori, e, per rimediare, decise di creare un colore nuovo, che attenuasse alla perfezione il rosso e il nero. Le nuove tinte diedero ai successivi quadri un aspetto diverso, migliore, rendendoli piacevoli da osservare, e semplici da ammirare. Continua a leggere