Edipo a Colono: la tragedia dell’ultimo

Qualche giorno fa, esattamente il 13 maggio, abbiamo festeggiato i quarant’anni dall’introduzione della legge Basaglia, che per la prima volta restituì il diritto di cittadinanza alle persone con disturbi mentali chiudendo gli ospedali psichiatrici. A questo penso quando siedo sull’antica pietra a vedere la rappresentazione classica di Edipo a Colono. Essa è infatti la tragedia dell’ultimo, dell’alienazione mentale, con protagonista un uomo di pubblico scandalo – assassino del padre e sposo della madre, con la quale ebbe quattro figli-fratelli – che andrebbe convenientemente allontanato dalla società. Come la comunità dovrebbe gestire quelli che (non sono gigli, ma son pur sempre figli vittime di questo mondo? I greci tracciano una strada da seguire e la imboccano, come sempre, secoli e secoli prima di noi. Ma non basta.

Continua a leggere

Annunci

San Berillo si fa serie web: la visione del cambiamento

Dai diamanti non nasce niente,
dal letame nascono i fior.
Via del Campo, Fabrizio De André

Il quartiere di San Berillo a Catania è il fallimento della promessa della città moderna. Situato nel cuore del centro storico, esso ha subito una delle più grandi operazioni urbanistiche di sventramento ed espulsione dei suoi abitanti con un’unica volontà: attribuire alla città un volto più moderno che la rendesse la Metropoli del Sud. Oggi il prezzo di quella pretesa si paga ancora con un’importante ferita. Continua a leggere

Rivelazione di un nuovo mondo e apoteosi del nostro ego?

È una gradatio ascendente di emozioni quella che pervade l’anima e la mente nel Simbolo Perduto di Dan Brown. Ancora una volta l’autore, come nei suoi precedenti romanzi, guida il lettore attraverso sentieri tortuosi, accompagnandolo in un’operazione di riscoperta della simbologia occulta ammantata di tanto mistero. Sono segreti taciuti quelli dei romanzi di Dan Brown e ancor di più nel Simbolo Perduto è presente il recupero di antiche concezioni, le quali divengono strumenti per meglio comprendere il presente. La rivelazione di segreti mistici non può che costituire un escamotage per un’analisi dell’arte più approfondita. Quest’ultima riesce ad essere il punto d’inizio per poter svelare al lettore gli intrighi di ogni avventura browniana. È un Dan Brown, questa volta, che ha fretta di farci addentrare in una nuova rivelazione, che diventa artefice di un’atmosfera intrisa già agli albori di mistero. Le vicende non perdono tempo nel racchiudersi in un vortice tormentoso e dal quale sarà difficile uscire, che cattura il lettore nelle mille sfide da affrontare fisicamente e intellettualmente. Continua a leggere

La Fedra di Seneca e l’interrogazione sulla Natura

Con la Fedra di Seneca si conclude il cinquantaduesimo ciclo di Rappresentazioni classiche a Siracusa: accade una sera di fine giugno, mentre l’estate si scompone in pioggia impetuosa. Accade al cielo che contempla Siracusa, sulla pietra che continua a riflettere il bianco dei raggi del giorno. Scende la sera, buia, in punta di piedi, quasi lento sipario a conclusione dell’incanto di questo mese. Continua a leggere

Alcesti – Tra la vita e la morte

Alcesti è una rappresentazione artistica e teatrale in cui il concetto etico e morale nei confronti della morte viene a galla in un susseguirsi di emozionanti eventi che narrano con sé la storia di Admeto, re della tessala Fere, pronto a sacrificare una persona a lui cara, per raggiungere finalmente quello che ogni uomo spera di ottenere: l’immortalità. Continua a leggere