Giornalismo 2.0: un complicato equilibrismo tra etica ed algoritmi

Se un vetro nero rotto richiama ormai un angosciante immaginario relativo agli incalzanti progressi tecnologici, l’ultimo stadio di Internet – ovvero quello dei social network sites – porta con sé implicazioni non meno gravose: il web partecipativo ci ha inghiottito in un flusso di contenuti, che non sempre rispondono alla definizione di “informativi”. Continua a leggere

La scala social-sociale

Diverse volte abbiamo sentito parlare della scala sociale, detta altrimenti stratificazione sociale. La Treccani ci dice che “la stratificazione sociale è la condizione degli strati sociali, composti da individui o gruppi, collocati vicini o sovrapposti in una scala di superiorità o inferiorità relativa a seconda della ricchezza, del potere, del prestigio o di ciò che la società in cui vivono ritiene rilevante ai fini della distinzione sociale.”

Una domanda che è possibile porsi è: esiste una stratificazione nei social network? E se esiste, corrisponde alla scala sociale? Si può progredire in essa come nella società? Continua a leggere

Social Network: l’abito che fa il monaco

Pochissime persone leggono Newton, perché bisogna essere dotti per capirlo. Tutti però ne parlano.

Questa è una grandissima lezione che ci lascia Voltaire, quanto mai attuale. I social network sono senza dubbio l’elemento che caratterizza il nuovo millennio sotto il profilo sociologico. La letteratura in merito si sta sbizzarrendo di anno in anno, dividendosi fra chi descrive il fenomeno come l’avvento della fine dell’individualità e chi li presenta come il futuro della democrazia liquida. Come (quasi) sempre, la verità sta in mezzo. I social sono tanti, ma qui analizzerò solo Facebook, poiché è il più usato e quello che conosco meglio. Continua a leggere