La guerra in Siria: il conflitto ai giorni nostri

La guerra in Siria è iniziata nel Marzo 2011 sull’onda della Primavera araba. Quattro ragazzi su un muro a Derea hanno scarabocchiato “è il tuo turno, dottore”, intendendo che sarebbe toccato ad Assad quello che stava accadendo a Mubarak in Egitto, a Ben Ali in Tunisia e presto a Gheddafi in Libia. La popolazione manifestò chiedendo la scarcerazione dei quattro ragazzi, ma Assad rispose alle proteste sparando ai manifestanti. A ogni funerale, una manifestazione e altri morti: inizia così una guerra che dura ancora oggi e che è definita il conflitto più grande dalla seconda guerra mondiale.

Continua a leggere

Annunci

La guerra in Siria: dalle origini allo scoppio del conflitto

La Siria è uno Stato del Vicino Oriente, la cui capitale è Damasco. Confina a nord con la Turchia, a est con l’Iraq, a sud con la Giordania e a ovest con Israele e Libano. Sempre a ovest si affaccia sul Mar Mediterraneo. La sua posizione è strategica perché il suo attraversamento è obbligato se via terra si vuole trasportare all’Europa gas e petrolio dalle regioni dell’Arabia Saudita. Continua a leggere

Interviste Impossibili: Karl Marx

Interviste Impossibili: Niccolò Machiavelli

L’esigenza di saper raccontare la Storia

Altri paesi d’Europa si sono già posti il problema, diversi anni fa ormai: come comunicare con le nuove generazioni? E, soprattutto, come con quelle del domani, vista la continua evoluzione dello strato sociale delle popolazioni? In Francia, ad esempio, nel 2000 si calcolava che circa il 13% della popolazione totale fosse di origine africana (cioè si stima 9 milioni di persone), non è difficile riflettere sul fatto che buona parte di quegli individui provenissero dalle antiche colonie francesi, Senegal, Algeria, Marocco, Tunisia, volendo volontariamente tralasciare quelle sparse in altre aree del mondo. Continua a leggere